Il Natale metallico dei Tales Of Sound

Questo Natale sarà il più strano di sempre, solo io e un’altra persona, l’unica che valga la pena accogliere nella mia vita ultimamente, e poco altro: un film, un divano e la voglia di dormire tutto il giorno, letture varie, mi sono ripromessa di imparare a usare Tik Tok, ignorare le chiamate, il lavoro, la vita vera che si sospenderà per pochi giorni. Un Natale un po’ strano, senza mormorii e parenti, con la giusta colonna sonora.

Fuori dal 3 dicembre “Metallico”, il secondo singolo dei Tales Of Sound. Un brano che mescola un sound elettro pop a un cantato rap. “Metallico” è la storia di chi non si arrende, di chi vuole ottenere il meglio dalla vita e fa di tutto per raggiungere i propri obbiettivi. I Tales Of Sound all’inizio della loro carriera si presentano con un sound fuori dal coro, ma soprattutto tecnicamente ben fatto. Sentiamo sperimentazione e armonia tra la melodia e la parte cantata. I rischi dello sperimentare sono che mescolare i generi potrebbe far cozzare tutto, ma non è assolutamente il loro caso. Il brano si apre con un inizio elettronico carico che ricorda un intro rock per poi buttarsi su rime pungenti e un ritmo calzante. La parte finale stupisce l’ascoltatore calmando i toni e andando verso un sound più introspettivo ma sempre di grande impatto.

“Metallico è il suono della campanella che chiude la lezione, del colpo di spada fra due cavalieri, del martello sull’incudine per forgiare. E’ il senso indomito di rivalsa e di obbiettivi. L’inizio di una storia che punta in alto, senza soste”, così la band descrive il proprio singolo.

I Tales Of Sound sono dei racconta storie in un sound rap-elettronico, ma la loro musica non si ferma a questi due generi. Prendono il meglio da tutto ciò che ascoltano; lo mescolano e tirano fuori una piccola perla.

Ciao ragazzi, “Metallico” si differenzia parecchio dal precedente album. Come mai avete scelto di pubblicare due cose così differenti tra loro?

Abbiamo deciso di pubblicare due progetti differenti perché vogliamo distinguerci da ciò che ascoltiamo e sentiamo tutti i giorni. Siamo così abituati a pensare che quel tipo di artista fa solo quel tipo di genere e che non riusciremmo mai a pensarlo “diversamente”. Ecco noi pensiamo che ogni tanto sia giusto variare e sperimentare sempre cose nuove. Credo che così potremmo avere sempre nuovi stimoli e magari senza rischiare di ripeterci. Insomma l’idea è quella di mantenere il nostro stile ma differenziando i sound e i testi. C’è da dire che abbiamo molte influenze diverse e vogliamo portarle tutte in campo.

Come sta reagendo il pubblico? Siete soddisfatti dei feedback che ricevete? 

In realtà non guardiamo così tanti i numeri o gli streams pensiamo che i migliori risultati arrivino quando suoniamo dal vivo. Abbiamo presentato da poco il nostro primo EP e due singoli in alcuni locali del vicentino, la gente ha saltato con noi e ci ha apprezzato. Credo che l’affetto del pubblico sia la cosa più bella che possa ricevere una band. 

C’è qualcuno con cui sognate di duettare?

Se non c’è limite al sogno, e non c’è, ci piacerebbe in piccolo collaborare con le realtà del nostro territorio. Magari riuscire a collaborare con Madame e Dj MS, visto che siamo compaesani. Billy e Samakruss, vorrebbero confrontarsi con i migliori liricisti come il King Marracash, Rancore, Willie il peyote, Dargen, il Tre. Vorremmo anche spaziare verso altri mondi, tipo un Gualazzi che musica una cover di Ghigo con noi a incastrare nuovi versi. I limiti non ci sono, cercheremo di raggiungere ogni sogno che ci ispira. 

Come vi siete conosciuti?

Siamo tutti e tre dello stesso paese (Creazzo, Vicenza) e inoltre ci conoscevamo già. Ognuno ha portato con sé la propria esperienza nel campo musicale e l’ha messa a disposizione. È stata una cosa bellissima perché fin da subito abbiamo trovato un grande feeling. La musica unisce e in alcuni casi crea anche dei rapporti di amicizia. Ci sentiamo molto fortunati per questo.

Prossimi progetti?

Prima di tutti dobbiamo pubblicare ancora due singoli e il prossimo uscirà il 14 di gennaio. In cantiere c’è un nuovo album (?) dalle sonorità Chill Out. In più ci aspettano due live molto importanti: la seconda fase del Vicenza Rock Contest, dato che siamo riusciti ad aggiudicarci la vittoria della prima serata.  Inoltre siamo stati selezionati per partecipare al QME festival che si terrà il 21 gennaio a Brescia.