Accendersi con Lialai

Ci siamo, sta finendo un altro ciclo. Ieri sera riflettevo con un mio amico davanti a una birra che in questo 2021, decisamente un anno positivo senza drammi nè tormenti, eppure non riesco a trovare un momento significativo, un attimo di gioia così estrema da rimanere impressa nella mia memoria. Si diceva, sempre con questo mio amico, che forse l’unico modo per stare bene sia rimanere nella quiete, perchè qualsiasi momento alto deve essere pagato con un momento basso. Vorrei un nuovo anno in cui tornano le montagne russe, come nel brano di Lialai.

Dal 29 ottobre è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme di streaming “Light On”, nuovo singolo di Lialai. Proseguendo il suo viaggio musicale dalle sfumature sperimentali, LIALAI torna con“LIGHT ON”, un brano elettronico dalle contaminazioni rock che ha l’intento di stupire le persone così come il singolo che lo ha preceduto e che ha visto la partecipazione di Rocco Siffredi nel videoclip ufficiale. «Questo racconto che ho suddiviso in storie e canzoni prosegue, arricchito questa volta dalla presenza di Zorzi – spiega Lialai a proposito della nuova release – Sono sicuro che stupirà parecchio».

Ciao Lialai e benvenuta! Raccontaci qualcosa su di te e sul tuo percorso musicale.

Ciao a tutti, mi chiamo Caterina Lalli sono Toscana ed ho 25 anni. Il mio percorso musicale inizia a Marzo del 2020 e nell’estate di quell’anno esce il mio primo singolo “Dime” seguito poi da “Kill me” e “Light On”. Canto da quando sono molto piccola ma solo per divertimento ma durante il primo lockdown ho avuto la voglia di creare ed incidere qualcosa che mi rimanesse per sempre.

Se dovessi convincerci ad ascoltare “Light On” con poche frasi, cosa ci diresti?

È un pezzo molto sensuale che riesce a trasmettere calore solo ascoltandolo, dà la carica giusta in qualsiasi situazione.

Per il tuo scorso singolo hai collaborato con Rocco Siffredi, questa volta invece con Tommaso Zorzi. Come sono nate queste collaborazioni e come è stata la tua esperienza?

Per il mio secondo videoclip della canzone “Kill Me” ho deciso di collaborare con Rocco Siffredi perché volevo la figura dell’uomo a cui nessuna donna potesse dire di no, mentre nel terzo video di “Light On” la mia scelta è ricaduta su Tommaso Zorzi perché è un personaggio molto estroso come lo è anche LIALAI e sapevo che insieme avrebbero potuto formare una splendida coppia.

Hai iniziato ad incidere i tuoi pezzi durante il lockdown. Come passavi le tue giornate durante quel periodo così particolare?

Ho passato le mie giornate cantando al karaoke con piccole pause in cui mi dilettavo nella cucina. È stato un periodo davvero molto duro ma sicuramente ci ha dato l’opportunità di apprezzare nuovamente le piccole cose, quelle che davamo per scontate.

Tutti i tuoi singoli sono uniti da un filo conduttore. Hai voglia di parlarcene?

Tutti i miei singoli sono collegati da una storia molto semplice, una storia che può rappresentare la storia di molti di noi, l’argomento principale del mio racconto sono i sentimenti veri ed istintivi, l’amore, la rabbia, il dolore, la vendetta. LIALAI donna innamorata nel primo singolo viene tradita dal suo grande amore, questa vicenda la porta a volersi vendicare del genere maschile smettendo di credere nell’amore in ogni sua forma e possiamo vedere ciò che fa in “Kill Me” il secondo pezzo, nel terzo LIALAI ammette di sperare ancora in questo sentimento nonostante il dolore che le ha causato.

Possiamo sperare nell’uscita di un disco contente tutti i tuoi pezzi?

Devo ancora decidere se far uscire un disco con tutti i miei pezzi, sicuramente sarebbe molto interessante.