Essere donne electro swing con Camilla Fascina

Sono di quei giorni in cui credo sarebbe meglio togliermi dai social e basta. Ieri sera sono uscita con un mio collega e siamo andati in un posto carino, sono tornata a casa con la morte nel cuore perchè ho improvvisamente realizzato che non avevo fatto neanche una storia. Il fatto di non aver condiviso con i miei mille follower scarsi di instagram il fatto di esser stata in un’osteria carina, rendeva inutile l’intera esperienza. Non ne posso più di queste dinamiche insulse. E’ tutto un casino perchè è come se qualcuno mi spingesse a sentirmi così: sentiti male perchè hai una dipendenza da social, e son poche le persone che riescono a mostrarci come invece i social siano in fondo una cosa positiva. Camilla Fascina ha immaginato una Cenerentola 2.0, ed ecco come è andata.

Il 15 ottobre è uscito “Cenerentola 2.0”, il nuovo singolo di Camilla Fascina. In un ritmo funky pop la cantautrice racconta la storia di una moderna Cenerentola che invece del gran ballo cerca il suo principe azzurro tra i messaggi di Instagram. La protagonista della storia non è una sprovveduta ed è pronta a svelare gli inganni dietro cui si nascondo le persone. “Cenerentola 2.0” con ironia e un ritmo accattivante punta i riflettori sul nostro bisogno di rifugiarci nei social per scappare dalla vita reale. Questa volta la principessa non lascia la scarpetta sulle scale, ma si perde nei meandri della rete. Nel web ormai ci sono più maschere che volti di persone e proprio per questo la protagonista decide di spegnere tutto e tornare a vivere davvero.

Questa moderna Cenerentola racconta la solitudine nei social: lancia frecciatine sul pericolo degli sconosciuti in chat, ma anche più semplicemente sul piccolo inganno di chi accumula nelle piattaforme social “amici” che magari non sono nemmeno conoscenti nella realtà. E che dire della vita continuamente postata, tramite fotografie ritoccate che millantano presunta felicità e presunti successi, ma spesso nascondono una profonda solitudine e un senso di inadeguatezza.

Ciao Camilla benvenuta su Edera Sincera. Come è nato il tuo brano “Cenerentola 2.0”?

Cenerentola 2.0 è una riflessione personale sulla rete e su social media, che io stessa vivo come una fonte inesauribile di informazioni ma ancor più come una trappola. O un luogo dove ci illudiamo di essere connessi e pieni di amici, per poi scoprire che in realtà gli amici veri sono ben pochi.   La parola stessa “web” racchiude due concetti antitetici. Significa sia “rete” che “ragnatela”, due mondi contrastanti:  da un lato la rete può essere vista come qualcosa che ci mette in comunicazione a persone dall’altro capo del mondo e ci permette di accedere a qualsiasi tipo di informazione, dall’altro rappresenta anche una trappola. Il web crea inoltre dipendenza, lo abbiamo visto nel periodo del lockdown. E quindi ho voluto prendermi in giro e soprattutto mettere in guardia sia me stessa che gli altri dai pericoli del web immaginandomi una moderna Cenerentola che  – causa lockdown – si vede costretta a cercare l’amore in rete perché al ballo non ci può più andare a causa delle restrizioni del periodo della pandemia. 

Prima di questo singolo ti sei dilettata in cover di sigle di cartoni animati e altri progetti legati all’apprendimento. Com’è uscire con un brano tutto tuo?

Le canzoni cover per bambini sono state il mio primo lavoro discografico anni e anni fa per Azzurra Music, una casa discografica di Verona. E’ stata la mia prima esperienza in studio. Tuttora adoro gli arrangiamenti dei grandi classici Disney, tuttavia studiando e crescendo ho scoperto nuovi mondi e nuovi stimoli. Dapprima ho registrato un Ep di cover riarrangiate di David Bowie “Camilla Fascinated by Bowie”. Dopo aver studiato composizione e songwriting a al CPM di Milano e dopo aver vissuto un anno a Chicago, sono rientrata in Italia e ho deciso di  comporre musiche e brani inediti in lingua inglese.  Con l’Ep intitolato “Edwig” ho voluto tuffarmi  nel mondo indie-rock scrivendo i brani “Juliet”, “Serendipity”, “Passenger in Berlin”, “Crumbling”. Poi ho composto un secondo Ep acoustic pop  – sempre in inglese  – intitolato “Together is Better, Songs for the Special Olympics”. Tutte canzoni dedicate al mondo dello sport e agli atleti Special Olympics.  Cenerentola 2.0  è il un singolo che preannuncia il mio primo  Ep composto interamente in italiano. Ho scelto appositamente di cambiare genere musicale per questi brani, e scrivere musiche swing, perché mi sembravano più adatte al contenuto dei testi, ironici, allegri e frizzanti. 

Oltre ad essere una cantante, sei anche un’insegnante. Fai ascoltare ai tuoi studenti la tua musica?

In  realtà mi piace lasciare che siano loro, se lo desiderano, a scoprire anche il mio mondo musicale. 

Quali sono le tue ambizioni?

Sto lavorando alla realizzazione di uno spettacolo / concerto interamente dedicato al mare e alle sue creature per diffondere la missione di Sea Shepherd, ossia la salvaguardia degli oceani, preziosa fonte dell’ossigeno che respiriamo. 

Ci dicono che sia in uscita anche un album, cosa deve aspettarsi il tuo pubblico dal tuo disco? 

Esatto è proprio così. Cenerentola 2.0 è il singolo che preannuncia un intero EP swing intitolato “Donne in Electroswing” in uscita a novembre. L’Ep racconta storie di donne, troverete non solo la moderna Cenerentola 2.0, ma scoprirete anche la maga Circe Innamorata, la donna “Bambola” delle riviste glam, la donna tutta curve nella traccia “Il vestito Rosso”, e infine una traccia che racconta un misterioso incontro in ascensore “Tre Piani in Ascensore con Leo”, lascio a voi scoprire chi fa girare la testa della protagonista – sorpresa finale.

Siamo sul genere di Cenerentola 2.0 o cambi sound?

Tutto l’EP “Donne in Electroswing” rimarrà sul genere swing ballabile.