Ho perso il buonumore, ma Kram no

Queste sono le mie giornate sospese dove ho tantissimo da fare, eppure mi sembra di non fare niente. Dove accumulo le stories del mio profilo di instagram come se non stessi un attimo ferma, ma la verità è che mi annoio terribilmente. Il periodo del post Covid mi ha reso apatica, perchè in realtà in quel limbo dove non c’erano responsabilità, dove era possibile leggere tutto il giorno o vivere dentro una serie televisiva. Oggi convivono le ansie che mi sforzo di non considerare. Buongiorno a tutti di Kram è uno stacco estremo a tutto questo che mi circonda, e non posso che esserne felice.

1) Come hai impiegato il tempo concesso dalla pandemia? 
Sono stato in studio a scrivere per un nuovo disco. È stato un modo per passare meglio questo periodo così strano e così buio!

2) Quando sei entrato in contatto con la musica e quando hai capito che sarebbe stata per sempre parte della tua vita? Hai mai dubbi a riguardo?
Ho iniziato da piccolissimo perché tutto proviene da una tradizione familiare trasmessa da mio padre. Ho cominciato suonando la tastiera e cantando. Poi ho scoperto il mondo della scrittura e ho smesso di cantare cover. Ora sono contentissimo di quello che ho fatto anche se qualche volta capita di avere dei dubbi poi la passione è talmente forte che ti spinge sempre a fare di più. Quei momenti ci vogliono proprio per questo!


3) Ci sono altre arti, come per esempio il cinema, letteratura o altro, che sono in grado di influenzarti musicalmente? 
In realtà, non particolarmente. Tutte le mie influenze musicali sono prese dalla vita quotidiana e da cose molto semplici. Testualmente sono molto vicino alla vita reale e quindi non faccio una ricerca particolare e articolata per scelta.


4) Come è nato il tuo ultimo singolo dal titolo Buongiorno a tutti e perchè è la colonna sonora perfetta per questo periodo? 
È nato svegliandomi improvvisamente durante la notte. Ho scritto tutto in 5 minuti e mi sono messo subito davanti alla tastiera e al computer per approssimare una demo. È perfetto adesso perché tutti ci stiamo, si spera, un po’ risvegliando e ci stiamo riappropriando delle nostre vite e dei nostri sogni.


5) Quali sono i tuoi prossimi step?
Ci sono già altri brani pronti che stiamo ultimando con la mia etichetta discografica Metro Records e che a breve potrete ascoltare. La cosa comunque che non vedo l’ora di fare e quella di tornare a cantare dal vivo.