La Belle Epoque e tutto quello che saremo

Mi ritrovo nella situazione strana in cui sono proiettata nel futuro, perchè posso buttare lì un “ma se andassimo a trovare quei nostri amici in Olanda?” e posso star certa di avere qualcuno che ha voglia di seguirmi, qualcuno che mi sveglia spadellando in cucina, qualcuno che c’è. Ho un piano per l’inverno, per cambiare tutto, per cambiarmi tutta. E poi quel Qualcuno che ha deciso di cambiare vita, così dal nulla, assecondando questa mia voglia di piani, appunti, e programmi. Si dice che bisogna godersi il presente, ma questo è il periodo più bello della mia vita perchè improvvisamente è tutto possibile.

E sempre in questo periodo ho scoperto Tutto quello che saremo de La Belle Epoque, che non so neanche se descrive come mi sento io, ma spero davvero di sì.

Esce giovedì 9 settembre 2021 il nuovo singolo della band lombarda La Bella Epoquedal titolo Tutto quello che saremo. La Belle Epoque ritorna dopo qualche anno di silenzio con una nuova maturità sonora, un singolo di rottura che mette (temporaneamente) da parte chitarre e distorsioni per lasciare spazio ad un dialogo incalzante tra sezione ritmica e tastiere. Parole potenti, come una pietra in faccia.

  1. Qual è la scena musicale di Bergamo? 

I bergamaschi sono famosi per essere lavoratori instancabili e per non abbassare mai la testa di fronte a niente e nessuno. La scena bergamasca è esattamente lo specchio di queste definizioni. C’è un sottobosco musicale incredibilmente vivo ed attivo fatto non solo da bravissimi musicisti, ma anche da formidabili addetti ai lavori. La bellezza più grande sta nella varietà che questa scena porta con se.

  1. Quali sono i vostri riferimenti musicali? Li condividete? 

Solo in parte. Arriviamo tutti da una formazione musicale che si è sviluppata principalmente negli anni 90 e pertanto condividiamo gran parte degli ascolti di quegli anni, ma ognuno ha sviluppato un personale amore per qualche genere specifico. Spaziamo tra alternative rock, grunge, brit-pop, garage, hip-hop, tantissima musica italiana pop e rock. Forse è proprio questa varietà il segreto che ci consente di confrontarci costantemente durante le fasi creative. 

  1. Oltre alla sala prove, quali momenti condividete come band? Come vivete invece i momenti di pausa quando non avete pubblicazioni in programma?

Condividiamo molto tempo come band, siamo molto legati. Negli anni si è creata una bellissima sinergia. Tralasciando il difficile momento attuale per la musica live, abbiamo condiviso moltissimi concerti come spettatori, spesso trascinati esclusivamente sulla fiducia da uno di noi. Non avere pubblicazioni in programma non ci ha mai fermato, se passiamo troppo tempo distanti si organizza al volo una cena, la cucina di Luca è sempre aperta 24 ore su 24!

  1. Tutto quello che saremo suona come una promessa che si fa a qualcuno…

Più che una promessa potremmo intenderla come una proiezione d’intendi in un futuro non ancora ben definito. Il nostro protagonista vuole fare il punto della situazione e comprendere se davvero può avere senso abituarsi ad una condizione o farla nuovamente propria. 

  1. Che importanza hanno le relazioni sociali nella vostra vita? 

I mesi trascorsi durante la pandemia hanno sicuramente dato un nuovo significato a questa domanda. Crediamo che molti si siano davvero resi conto di quante cose date per scontate in precedenza, così scontate non sono. Le relazioni in primis. Il contatto umano, la condivisione, il confronto.

  1. E nella vostra musica? 

Quello che siamo e che percepiamo dalle relazioni sociali lo ritroviamo senza dubbio nella nostra musica. Siamo molto autocritici e riflessivi, ma quando scriviamo lo facciamo sempre a cuore aperto. E questo aspetto crediamo si ritroverà molto nel nuovo disco di prossima uscita. 

  1. Come state in questo momento?

In gran forma! Abbiamo aspettato a lungo prima di deciderci a pubblicare il nuovo materiale, quello che abbiamo vissuto ha sicuramente lasciato un segno indelebile in ognuno di noi, ma crediamo che ora sia il momento buono per farci sentire.